Comune di Marano sul Panaro

Esplora contenuti correlati

Certificati, autocertificazioni e atti sostitutivi di notorietà

Servizi

Certificati, autocertificazioni e atti sostitutivi di notorietà - Comune di Castelnuovo Rangone - Servizi - Servizi Demografici e Polizia Mortuaria - Anagrafe - Certificati, autocertificazioni e atti sostitutivi di notorietà

Certificati online

A partire dal 15 novembre 2021, grazie all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), sarà possibile scaricare online, gratuitamente e in maniera autonoma, 14 tipologie di certificati per sé o per un componente della propria famiglia anagrafica. L'operazione potrà essere svolta accedendo al portale di ANPR con l’identità digitale (SPID, CIE o CNS), senza bisogno di recarsi allo sportello. Questi i certificati scaricabili:

● di Residenza
● di Residenza AIRE
● di Stato civile
● di Stato di famiglia
● di Stato di famiglia con l'indicazione dei rapporti di parentela
● di Cittadinanza
● di Esistenza in vita
● di Residenza in convivenza
● di Stato di famiglia AIRE
● di Stato Libero
● Anagrafico di Unione Civile
● di Contratto di Convivenza
● anagrafico di nascita (attenzione: non è un certificato di nascita!)
● anagrafico di matrimonio (attenzione: non è un certificato di matrimonio!)

Questi certificati possono essere richiesti anche in forma contestuale (più certificati in uno: si può produrre, ad esempio, un certificato di residenza, stato di famiglia e stato civile).

Prima dell’emissione definitiva (che contiene il QRCODE ed il Sigillo elettronico qualificato del Ministero dell’Interno) è preferibile visualizzare l’anteprima per controllare i dati.
Il certificato può essere richiesto in esenzione dall'imposta di bollo per determinati usi (separazione o divorzio, adozione o affidamento minori, presentazione a società sportive...) ma, fino al 31/12/2022, tutti i certificati generati su ANPR sono stati resi gratuiti. A partire dal 01/01/2022, invece, per i certificati che sono soggetti all'imposta di bollo (quelli che vengono richiesti per un uso che non è indicato nella tabella delle esenzioni) sarà necessario procedere al pagamento su PagoPa.

I certificati possono essere scaricati o ricevuti all’indirizzo di posta indicato nel profilo utente. Per accedere al servizio:

Entra in ANPR

Si dovrà accedere usando SPID o i codici della Carta di Identità Elettronica (CIE). Una volta eseguito l'accesso:

  • selezionare l'opzione "Richiedi un certificato"
  • scegliere il tipo di certificato (o di certificati) da produrre.

  • Si può poi richiedere il certificato per uno degli usi esenti:

  • Oppure, fino al 31/12/2021, richiedere il certificato in carta legale, ma senza pagare l'imposta di bollo.

Il certificato riporta un QR code per la verifica dell'autenticità e non viene firmato né timbrato da nessun operatore: è emesso direttamente dal Ministero dell'Interno.

 

Autocertificazioni e visure anagrafiche
 

Che cos'è l'autocertificazione

E’ un sostituto del certificato che consente di dichiarare stati, fatti e qualità.
La dichiarazione deve essere firmata per essere valida, ma la firma non deve essere autenticata.

Cosa è possibile autocertificare

La data e il luogo di nascita, la residenza, la cittadinanza, il godimento dei diritti politici, lo stato civile (celibe o nubile, coniugato/a, vedovo/a, divorziato/a), lo stato di famiglia, l'esistenza in vita, la nascita del figlio, il decesso del coniuge, dell'ascendente o del discendente, la posizione agli effetti degli obblighi militari, l'iscrizione in albi o elenchi tenuti dalla pubblica amministrazione, i titolo di studio o le qualifica professionale possedute;
esami sostenuti; titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualifica tecnica, situazione reddituale ed economica, anche ai fini della concessione di benefici e vantaggi di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
l'assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
l'assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare del tributo assolto;
il possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria e inerente all'interessato, lo stato di disoccupazione, la qualità di pensionato e la categoria di pensione, la qualità di studente o di casalinga, la qualifica di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili, l'iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo, di non aver riportato condanne penali, e tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri di stato civile.

Chi può e chi deve accettare l’autocertificazione

Le Pubbliche Amministrazioni e i gestori privati di servizi pubblici sono obbligati ad accogliere le autocertificazioni per tutti i casi previsti, mentre i privati sono liberi di accettarle o di richiedere i certificati corrispondenti.

Si precisa che ai sensi dell'articolo 15, comma 1, della legge 12 novembre 2011, n 183 " Norme in materia di certificazioni e dichiarazioni sostitutive", a partire dal 1 gennaio 2012 le certificazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide ed utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Questo significa che le pubbliche amministrazioni non possono più richiedere al cittadino certificazioni (relativi a stati, qualità personali e fatti) rilasciate da altre pubbliche amministrazioni.
Sui certificati rilasciati dall'Anagrafe quindi verrà apposta, a pena di nullità, la dicitura:" il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi"

Nota bene

I cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia possono utilizzare l'autocertificazione limitatamente agli stati, alle qualità personali ed ai fatti certificabili o attendibili da parte di soggetti pubblici italiani.

Come fare

Non è necessario recarsi all’Ufficio Anagrafe, ma si può compilare autonomamente a casa uno dei moduli qui allegati, oppure stampare un modello di autocertificazione precompilato direttamente dal sito di ANPR.

Tutti i cittadini residenti, infatti, hanno oggi a disposizione uno strumento prezioso che permette di verificare i propri dati anagrafici registrati nell' Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR): la banca dati centralizzata presso il Ministero degli Interni che raccoglie i dati di tutti i cittadini iscritti in anagrafe e residenti nei Comuni transitati al nuovo sistema.

In caso di necessità è possibile stampare autocertificazioni precompilate. I dati che vengono indicati nell’autocertificazione precompilata sono costantemente aggiornati e non rendono più necessario recarsi agli sportelli dell’Anagrafe.

Per accedere al servizio si può visitare QUESTA PAGINA 

In particolare, è possibile produrre autocertificazioni (anche cumulative di due o più dei seguenti dati) relative a:

  • nascita;
  • stato civile (libero o coniugato);
  • cittadinanza;
  • stato di famiglia (composizione della famiglia anagrafica);
  • residenza;
  • esistenza in vita.

I possessori di

  • SPID (il Sistema Pubblico di IDentificazione) o
  • CIE (la Carta d'Identità Elettronica) o
  • CNS (la Carta Nazionale dei Servizi, che tipicamente è la tessera sanitaria attivata con PIN)

possono entrare nell'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente e verificare o stampare autocertificazioni riguardanti i propri dati scegliendo uno dei seguenti metodi:

Se si dispone di un lettore di smart card è possibile leggere la CIE direttamente, ma si può anche accedere usando lo smartphone.
In questo caso è necessario scaricare la app CieID e registrare la propria carta seguendo le istruzioni.

La Visura

Il cittadino può quindi accedere ai propri dati presenti nell’archivio, ed in particolare a:

  • Generalità: data e luogo di nascita, sesso, codice identificativo comunale e ANPR e (se presenti) gli estremi dell’atto di nascita;
  • Stato civile (celibe o nubile; coniugato; già coniugato);
  • Cittadinanza;
  • Carta identità: numero, tipo (cartacea o elettronica), validità per l’espatrio, data di scadenza e comune di rilascio;
  • Composizione della famiglia anagrafica (stato di famiglia)
  • Residenza

L’autocertificazione

Il cittadino può anche stampare la propria autocertificazione di residenza, stato di famiglia, stato civile, nascita ed esistenza in vita (singolarmente o combinando più di un dato nello stesso documento) usando la funzione “stampa autocertificazione”. 

                                                                              

     

Certificati

Chi li rilascia

I certificati anagrafici (residenza, stato di famiglia, stato libero...), in generale, vengono rilasciati dall’Anagrafe del Comune di residenza. Il Comune di Castelnuovo Rangone, però, aderisce anche al sistema ANPR: il cittadino ha quindi la possibilità di richiedere i certificati anagrafici e di accedere ai propri dati non solo dal Comune di Castelnuovo Rangone, ma da qualsiasi altro Comune registrato all’ANPR.

I certificati di Stato Civile (nascita, matrimonio, morte) possono invece essere rilasciati solo dal Comune dove è avvenuto l’evento, o da quello dove la persona interessata era residente al momento dell’evento.
Per fare un esempio: se una coppia contrae matrimonio nel Comune di Modena, ma uno degli sposi al momento del matrimonio è residente a Vignola, il Comune di Vignola trascriverà l'atto di matrimonio e ne potrà rilasciare certificazione. Se però la coppia si trasferisce in seguito nel Comune di Castelnuovo Rangone, quest'ultimo non avrà la possibilità di rilasciare un certificato di matrimonio.

Chi li può richiedere

Possono essere richiesti dall’interessato o da una persona delegata dall'interessato.
Se il richiedente è una persona diversa dall’interessato potrà ottenere solamente alcuni tipi di certificato (stato di famiglia e residenza) e non potrà avere accesso ad alcuni dati quali ad esempio paternità e maternità. Dovrà inoltre compilare una richiesta scritta e allegare una fotocopia del suo documento d’identità.

Modalità di richiesta

Presso lo sportello di via Turati 10/A a piano terra, negli orari di apertura al pubblico.
Per la modalità di richiesta tramite posta ordinaria e posta elettronica, vedere sezione apposita.

Costo

I certificati anagrafici sono tutti soggetti all'imposta di bollo (marca da bollo da € 16.00), tranne quelli richiesti per gli usi consentiti dalla legge ((D.P.R. n.642 del 26 ottobre 1972; Art. 19 lg. 74/1987; Art. 82 lg. 184/1983). Qui un elenco dei casi di esenzione.

N.B. L’uso deve essere sempre specificato dal richiedente: non è sufficiente chiedere un certificato "in carta libera", ma si deve specificare l'uso per il quale si richiede.

Validità

Tutti i certificati, tranne quelli di morte, hanno validità di 6 mesi dal giorno del rilascio.

Dal 1 gennaio 2012 i certificati rilasciati sono validi solo nel rapporto tra privati (art 15, comma 1, legge 12/11/ 2011, n 183 " Norme in materia di certificazioni e dichiarazioni sostitutive). Nei rapporti con Pubbliche Amministrazioni debbono essere sostituiti da autocertificazione e, se presentati ugualmente, sono nulli.

Tempi di rilascio

I certificati richiesti allo sportello vengono rilasciati in tempo reale al momento del pagamento di quanto dovuto.

Certificati Storici e Originari

La richiesta del certificato storico va consegnata all’Ufficio in forma scritta, indicando tutti i dati in possesso del richiedente per facilitare la ricerca.
Se il certificato deve essere rilasciato in bollo il costo è di € 5.16 a nominativo + € 16 di marca da bollo; se in carta semplice € 2.58 a nominativo.
I tempi di rilascio verranno concordati con l’Ufficio.

 

Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

Che cos'è

E’ una dichiarazione riguardante stati, fatti e qualità a diretta conoscenza dell’interessato, non ricompresi nell’elenco previsto per le autocertificazioni.

Chi la può accettare

Uffici Pubblici e privati. Se la dichiarazione deve essere presentata ad un ufficio pubblico non è necessaria l’autentica di firma, mentre i privati spesso richiedono questa formalità, da effettuarsi firmando davanti all'Ufficiale di Anagrafe del proprio Comune di residenza o di qualsiasi altro Comune italiano. L'autentica di firma su una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà è soggetta all'imposta di bollo.

Cosa è possibile dichiarare

Si possono dichiarare stati, qualità personali o fatti a diretta conoscenza dell'interessato e per i quali non è prevista la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

In caso di successione a seguito di decesso, ad esempio, uno degli eredi può dichiarare chi sono gli eredi legittimi (usando questo modulo), la situazione di famiglia originaria, la proprietà di un immobile, ecc., da presentare a istituti bancari, notai o associazioni. Se la dichiarazione è da presentare a Poste Italiane, invece, è necessario procurarsi presso il locale ufficio postale il modulo corretto predisposto dalle Poste.

La dichiarazione che il dichiarante rende nel proprio interesse può riguardare anche stati, fatti e qualità personali relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza.

Cosa non è possibile dichiarare - ATTENZIONE!

La dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà non può in nessun caso consistere in

  • Dichiarazioni future
  • Dichiarazioni d’impegno
  • Accettazioni o rinunce d’incarico
  • Procure
  • Scritture private
  • Dichiarazioni a contenuto negoziale regolate dal codice civile
  • Fogli in bianco
  • Dichiarazioni scritte in una lingua diversa dall'italiano

Non è possibile dunque autenticare manifestazioni di volontà (impegni, rinunce, accettazioni, procure) e deleghe configuranti una procura (quando un soggetto conferisce volontariamente il potere ad un altro di compiere degli atti in nome e per conto di questi, si parla di procura, anche nel caso il documento parli genericamente di 'delega').

Il Servizio Anagrafe non può autenticare dichiarazioni contenenti espressioni di volontà o di impegno, né dichiarazioni che si riferiscono al futuro. Tale tipo di autenticazione può essere effettuata solo ed esclusivamente presso un Notaio.

Servizi Demografici

Via Turati n° 10/a, piano terra.

tel. 059-534830 - 059-534831 - 059-534832 - 059-534836 - 059-534837
fax. 059-534902
e-mail: demografici@comune.castelnuovo-rangone.mo.it
pec: comune.castelnuovo@cert.unione.terredicastelli.mo.it
referenti:
Responsabile di Area: dott.ssa Barbara Beltrami
Responsabile del Servizio Dott.ssa Valentina Benassi
Istruttore Amministrativo Giulia Montanari
Istruttore Amministrativo Isabella Compari
Istruttore Amministrativo Tiziana Mauro
Collaboratore Professionale Maria Natalini




orari:
DA MARZO 2020 E' POSSIBILE ACCEDERE AI SERVIZI DEMOGRAFICI SOLAMENTE PREVIO
APPUNTAMENTO TELEFONICO. ORARI GENERALI DI APERTURA:
LUNEDI: 08:30 - 13:30
MARTEDI: 08:30 - 13:00
MERCOLEDI: 08:30 - 13:00
GIOVEDI: 15:00 - 18:00
VENERDI: 08:30 - 13:00
SABATO: 09:15 - 12:00


Primo inserimento del 12/10/2015 -- Ultimo aggiornamento del 24/01/2022 ore 13:38 -- N° visioni: 9.795 -- Stampa
torna all'inizio del contenuto